Logo Rai3


Solisti

Arturo Brachetti

Nato a Torino nel 1957, a soli quindici anni ha vinto il premio “Bustelli”. Negli anni Ottanta ha intrapreso la sua attività artistica a Parigi, presso il Paradis Latin, quindi in Germania come vedette e presentatore del trionfale “Flic Flac” di Andre Heller. A Londra, il suo spettacolo Y è rimasto in cartellone per oltre un anno al Piccadilly Theatre, vincendo lo Swet Award. Nello stesso anno si è esibito al Covent Garden alla presenza di tutta la famiglia reale inglese. In teatro il successo italiano è arrivato con Varietà per la regia di Maurizio Scaparro, con Massimo Ranieri e Marisa Merlini. Pur continuando le sue apparizioni televisive, Brachetti è diventato uno dei più amati personaggi della scena teatrale italiana. Con Roberto De Simone ha anche sperimentato una breve incursione nel mondo del repertorio sinfonico con L’Histoire du soldat di Stravinskij.

Sotto la produzione dalla Compagnia della Rancia e la regia di Saverio Marconi, è entrato nel mondo del grande musical italiano con Fregoli (Biglietto d’oro 1995) e con Brachetti in technicolor. Nel 1999 Brachetti ha affrontato un classico interpretando con successo Puck nel Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, per la regia di Duccio Camerini. L’America ha scoperto in Brachetti un fulmineo quanto sorprendente ruolo nel Drew Carey Show, in
diretta televisiva dagli studi della Warner Bros Studios di Hollywood. Grazie a questo successo è stato successivamente ingaggiato, sempre a Hollywood, per il ruolo di Antonio, in 10 puntate della soap opera Nikky.

Oggi è capace di interpretare in un solo spettacolo teatrale fino a 80 personaggi diversi e persino di superare se stesso arrivando fino a 100 trasformazioni. In alcune performances riesce a interpretare brevi pièces comiche recitando tutti i ruoli. Si esibisce indifferentemente in diverse lingue e in centinaia di teatri nel mondo, tanto per la famiglia reale inglese quanto per Jaques Chirac all’Eliseo. Quando non è in scena dirige spettacoli musicali di varietà. All’estero ha diretto Fantissimo e Thausend Nachte al Wintergarten di Berlino. Nel 1999 il direttore del festival canadese Juste Pour Rire, Gilbert Rozon ha prodotto il grande One Man Show di Brachetti a Montreal; show successivamente portato a Parigi nel 2000. Nello stesso anno Brachetti ha vinto il Premio “Moliere”.

Nelle stagioni teatrali passate il suo spettacolo L’uomo dai 100 volti ha fatto il record di presenze e incassi nei teatri italiani. Nel 2008 Brachetti ha realizzato un suo vecchio sogno: far rinascere il varietà e il music-hall, creando Gran varietà Brachetti, il nuovo spettacolo da lui ideato, diretto e interpretato con attrazioni internazionali, personaggi
comici e un corpo di ballo. La tournée, in prima mondiale, ha debuttato a Torino ed è proseguita in tutta Italia. Anche questo show è stato in Italia lo spettacolo teatrale di punta della stagione 2008/09 ed è stato applaudito in questa tournée da oltre 160.000 spettatori. Nel 2009 Brachetti è tornato sulle scene londinesi con il nuovo spettacolo Change, che ha ottenuto la nomination nella categoria Best entertainment del prestigioso Olivier Awards 2010 del Teatro inglese.

Rai.it

Siti Rai online: 847